natura

LA MIA ATTUALE ATTREZZATURA (febbraio 2018)

foto

Canon EOS 5 D II
Reflex full frame da 21,1 mp.
Dopo aver usato la 350D e la 40D, con questo corpo ho realizzato il sogno di scattare immagini a pieno formato 24x36 mm.

foto

Canon EOS 80 D
Reflex APS-C (1.6x) da 24.2 megapixels.
Ho acquistato questo secondo corpo per sfruttare meglio le potenzialità tele dello zoom 100-400 e usare lo schermo LCD articolato nelle inquadrature a distanza ravvicinata a livello del terreno.

foto

Canon EF 17-40 f/4 L USM
Obiettivo adatto per paesaggi e foto ambientate.

foto

Sigma 180 f/3.5 EX HSM APO macro
E' la mia ottica "normale" in quanto scatto con questo obiettivo la maggior parte delle mie foto alla flora e agli insetti. Consente il rapporto 1:1 senza allungarsi, essendo anch'esso IF, ad una notevole distanza dal soggetto.

foto

Canon EF 100 f/2.8 USM macro
Consente il rapporto 1:1 senza allungarsi, perché essendo un IF si muovono le lenti interne. Ottimo per le riprese macro ravvicinate.

foto

Canon MP-E 65 macro 1x-5x
Unico obiettivo macro in grado di produrre immagini fino a 5x in ripresa. Oltre il rapporto di riproduzione 2:1 è possibile utilizzarlo solo con il flash. Consente la ripresa di soggetti molto piccoli e di particolari che sfuggono all'osservazione diretta.

foto

Canon EF 24-105 f/4 L IS USM
Tipico obiettivo tuttofare che uso soprattutto per le occasioni famigliari e i giri turistici. Non lo uso mai per foto naturalistiche.

foto

Canon TS-E 90 f2.8
Obiettivo decentrabile adatto per oggettistica. Con una distanza minima di messa a fuoco di soli 50 cm, abbinato al teleconverter 1.4x o ai tubi di prolunga diventa un buonissimo macro. Consente una gestione particolare del campo a fuoco mediante il basculaggio.

foto

Canon EF 300 f/4 L IS USM
Ottimo teleobiettivo facilmente utilizzabile a mano libera. Lo uso, oltre che per mammiferi e uccelli, anche per riprese ravvicinate di fiori e insetti grazie alla minima distanza di messa a fuoco di solo 150 cm.

foto

Canon EF 100-400 f/4.5-5.6 L IS USM II
Zoom con caratteristiche eccezionali. Acquistato recentemente per diventare un protagonista fisso delle mie escursioni fotografiche. Oltre ad ampliare le capacit√† tele fino a 400 mm (600 mm con 80D) può diventare utile anche per riprese ravvicinate di fiori e insetti grazie alla minima distanza di messa a fuoco di solo 1 m.

foto

Sigma APO teleconverter 1.4x EX DG
Usato, ma non spesso con il teleobiettivo per trasformarlo in un 450 mm o con il 180 macro e i tubi per riprese ravvicinate oltre 1x.

foto

Kenko Extension tube 36+20+12 mm
Da abbinare ai tele o ai macro per consentire maggiori ingrandimenti nelle riprese a distanza ravvicinata.

foto

Manfrotto 190 GO! Carbon fiber
Cavalletto in fibra di carbonio molto leggero e compatto (45 cm/1.35 kg) che consente riprese anche a livello del terreno.

foto

Manfrotto XPRO-BHQ2
Testa a sfera con sistemi di bloccaggio funzionali e sicuri che consente una manovrabilità eccezionale per inquadrature a distanza ravvicinata.

foto

Novoflex CASTEL-L
Slitta di messa a fuoco micrometrica molto precisa e stabile che utilizzo in studio soprattutto per i forti ingrandimenti consentiti dal MP-E 65mm macro, in particolare per effettuare serie di scatti in sequenza della stessa inquadratura, ognuno su un piano di messa a fuoco diverso, allo scopo di ottenere un'immagine finale con una profondità di campo maggiore non ottenibile con i mezzi tradizionali (Focus Stacking).

NATURA del PARMENSE
sito fotografico dedicato alla conoscenza della flora e della fauna del territorio parmense
© Sergio Picollo 2010 - 2018